Foto di budapest

Budapest, descritta anche come la “piccola Parigi dell’Europa centrale”, è famosa non solo per i monumenti che riflettono la sua cultura di 1.000 anni, ma anche per i resti dell’occupazione romana e turca. Dopo l’Impero Ottomano l’unione con l’Austria ha una influenza particolare sullo stile della città.

La capitale ha due lati, Buda e Pest, che si estendono lungo le rive del Danubio e che rappresentano due diversi caratteri della città. Buda, con il suo storico quartiere e il castello, offre strade medievali, case, musei, grotte e rovine romane. E’ immersa in una atmosfra medievale. Pest invece rappresenta il lato piu’ dinamico e moderno. Qui si torva il più grande edificio del Parlamento in Europa. Passegiando lungo il fiume si possono ammirare i numerosi ponti di Budapest. Il parco naturale più bello di Budapest è l’Isola Margherita che si trova in mezzo al Danubio. Nel parco vi è un giardino di rose, piscine, e la spaziosa Grand Hotel. Se ci andate nel periodo estivo vi consigliamo di portanre uno spray antizanzare!

Budapest ha molto da offrire: musei, gallerie d’arte, chiese, sinagoghe, palazzi ed edifici storici, vasche e piscine sono presenti ovunque nella città.

1 - Casa del terrore

Per tutti gli appassionati della storia, e in particolare della seconda guerra mondiale, il museo Casa del terrore è una delle attrazioni di Budapest assolutamente da visitare.

Il museo si trova nell’edificio che venne usato come quartier generale della polizia politica sia nazista sia comunista. All’interno si trovano molte testimonianze che evidenziano i tragici effetti dei regimi che oppressero l’Ungheria durante e dopo la seconda guerra mondiale.

Nelle diverse stanze del museo viene ricreata un’atmosfera angosciosa con musiche e luci per descrivere al meglio le crudeltà subite dagli ungheresi, e non solo, dalla dittatura, e per sensibilizzare gli animi dei visitatori ai tragici avvenimenti della seconda guerra mondiale.

Vai alla Pagina

2 - Museo e scavi di Aquincum

Interessante anche da visitare a Budapest è il sito Aquincum che conserva ancora la traccia dell’antica città romana costruita intorno al I secolo. Nel sito sono conservati i resti dell’originario insediamento romano dove si possono ammirare anche tantissimi affreschi, mosaici e sopratutto l’organo idraulico ancora funzionante.

Nel museo troviamo anche una interessante ricostruzione sulle abitudini alimentari dei nobili di allora. Particolarmente interessanti e da vedere le rovine dell’antico anfiteatro che si trovano nei pressi del museo.

Vai alla Pagina

3 - Museo della storia di Budapest

Assolutamente una cosa da fare a Budapest è una visita al Palazzo Reale nel quale potete visitare diversi musei tra i quali il Museo della storia di Budapest che è situato al suo interno. Nei diversi piani del museo è rappresentata la Budapest dall’età romana fino ai giorni nostri.

Assolutamente da non perdere il Palazzo Reale della Buda medievale, dove sono esposti, oltre alle armi, ai sigilli ed iscrizioni, alcuni utensili originali che facevano parte della vita quotidiana.

Inoltre, si possono visitare delle  stanze risalenti al Medioevo tra cui una cappella e una piccola prigione che vennero alla luce durante i lavori di ricostruzione in seguito ai danni provocati dalla guerra.

Vai alla Pagina

4 - Museo della Storia Militare

Per gli amanti delle armi e della storia, una cosa da fare a Budapest è una gita al museo della storia militare di Budapest che raccoglie le uniformi, le bandiere ed una ricchissima collezione di armi che vanno dal periodo precedente alle guerre turche fino al ventesimo secolo.

Segnaliamo anche la magnifica collezione numismatica composta da circa 28 mila pezzi e la sezione dedicata alla Seconda Armata d’Ungheria che è stata decimata nei giorni della Rivolta a Stalingrado.

Vai alla Pagina

5 - Museo dei Trasporti

Nel museo dei trasporti di Budapest si può ammirare una delle collezioni più antiche della storia dei mezzi di trasporto in Europa e conoscere lo sviluppo dei trasporti ferroviari, stradali e fluviali in Ungheria.

Gli appassionati di modellismo saranno entusiasti nel visitare una delle collezioni di trenini nota in tutto il mondo: vi si trovano esposti parecchi modelli in scala di treni d’epoca, alcuni dei quali funzionanti.

Molto bella anche la collezione sui trasporti fluviali al cui interno troviamo modelli di barche, strumenti di navigazione, e una sezione dedicata ai cantieri navali di Óbuda e Újpest.

Vai alla Pagina

6 - Parlamento di Budapest

Per chi visita Budapest, è impossibile non visitare il Palazzo del Parlamento ungherese che è uno dei simboli della città ed è uno dei monumenti più belli ed ammirati del Paese. Infatti vanta il record di essere il più grande edificio dell’intera Ungheria ed è la sede del parlamento di stato.

La facciata principale si affaccia sulla riva del Danubio ma l’ingresso si trova sul lato opposto. E’ l’edificio più grande del mondo, si estende su una superficie di circa 18000 metri quadri con 691 locali.

La struttura esterna è di architettura neogotica, mentre l’interno è di stile barocco e rinascimentale come dimostra la bellissima scalinata d’onore che porta alla cupola posta al centro del palazzo che è alta 96 metri. 

Vai alla Pagina

7 - Basilica di Santo Stefano

Altro simbolo da visitare a Budapest è la basilica di santo Stefano, dedicata al primo re cristiano. E’ la chiesa più grande della città, l’altezza della cupola è uguale all’altezza del Parlamento, 96 m, a significare la presenza in parti uguali si stato e chiesa. Secondo le leggi vigenti, nessun edificio in città può esserne più alto.

La costruzione della chiesa si è protratta per lungo tempo a causa di diversi avvenimenti che ne hanno tardato la realizzazione: prima la lotta d’indipendenza che interruppe i lavori di sterramento, poi la morte dei due architetti-progettisti e dopo ancora, il crollo della cupola a causa di un temporale che costrinse a demolire tutto e a ricominciare daccapo.

La principale attrattiva della chiesa è la Cappella della Santa Destra dove è conservata la mano destra mummificata di re Stefano, il fondatore della Nazione a cui si deve la diffusione della religione cristiana nel Paese.

Vai alla Pagina

8 - Museo etnografico

Altro museo da visitare a Budapest è il museo etnografico nel quale viene rappresentata la cultura ungherese nella sua completezza. L’edificio che ospita il museo etnografico fu originariamente adibito a Ministero della Giustizia. Nello stile del palazzo troviamo elementi rinascimentali, barocchi e classici.

Nel museo vi è una mostra che include oggetti della cultura contadina ungherese dalla preistoria al XX secolo. Da essa si può quindi comprendere l’arte e i costumi tipici degli ungheresi ed essere introdotti nella vita ungherese dei villaggi e delle campagne.

Il museo ospita anche molte altre mostre temporanee, oltre a quella permanente sulla cultura ungherese.

Vai alla Pagina

9 - Grande sinagoga

Altra cosa da fare a Budapest è una visita alla grande sinagoga che è la più grande sinagoga d’Europa e la quarta al mondo: al suo interno vi è un totale di 2.964 posti a sedere, dei quali 1.492 nelle navate, per gli uomini, e 1.472 sui matronei, per le donne (come vuole la tradizione ortodossa). Nello stile architettonico troviamo principalmente elementi moreschi, ma anche forti richiami all’architettura neobizantina e all’architettura neoromanica, specialmente nella parte esterna dell’edificio.

All’esterno troviamo due torri alte 43 metri con le cupole a cipolla che sovrastano l’edificio ricoperto da mattoni colorati e decorazioni in ceramica. L’interno è un miscuglio di elementi bizantini, gotici e arabi che rende il tutto un capolavoro spettacolare.

E’ stata restaurata nel 1991 dopo i danneggiamenti provocati dall’occupazione nazista e, ancora di più, dalla battaglia per la liberazione di Budapest. I lavori di restauro sono durati circa 5 anni. Il guardino che si trova alle spalle della sinagoga è dedicato alla memoria di migliaia di ebrei ungheresi morti nel ghetto tra il 1944-45 e anche a Raul Wallenberg, Giorgio Perlasca e Monsignor Angelo Rotta che durante la seconda guerra mondiale salvarono migliaia di ebrei ungheresi dallo sterminio.

Vai alla Pagina

10 - Museo delle statue

Un altro importante museo da vedere a Budapest è il museo delle statue. Con la caduta del comunismo, tutte le statue erette in quel periodo vennero tolte da tutti i luoghi pubblici e raccolte in un parco che si trova a circa 10 chilometri a sud del centro di Budapest. All’interno del museo all’aperto troviamo quindi statue e monumenti dell’epoca comunista, tra cui statue di Marx, Lenin, Engels, Kun Béla, eroi dell’Armata Rossa.

A differenza di tanti altri paesi dell’est che, con la fine del comunismo, distrussero tutte le tracce del periodo sovietico, l’Ungheria decise di far tesoro di un consistente pezzo di storia affinché ne rimanesse un segno nella memoria collettiva .

Per chi vuole portarsi con sé un pezzo di storia sovietica, nel Memento Park si trova il “Memorabilia shop”, in cui è possibile acquistare gadget e articoli vari, risalenti al periodo comunista e alla Guerra fredda. Particolarmente interessante è anche una mostra che illustra come veniva addestrata una spia comunista.

Vai alla Pagina

11 - Castello di Buda

Una delle prime cose da fare a Budapest è sicuramente la visita al Castello di Buda che è uno dei più famosi e visitati monumenti di Budapest, dichiarato Patrimonio mondiale dall’Unesco nel 1987. Per raggiungere il castello si può utilizzare la funicolare “Siklò” oppure tramite una passeggiata sui “Gradini Reali”.

Il castello è stato usato dai re ungheresi a Budapest e adesso ospita al suo interno il Museo della Storia di Budapest, la biblioteca Széchenyi e il Museo di Arte Contemporanea. Venne costruito sul lato sud della collina, vicino al vecchio distretto del Castello, famoso per lo stile barocco medievale e per le case ed edifici pubblici del diciannovesimo secolo.

 

Vai alla Pagina

12 - Bastione dei pescatori

Per ammirare Budapest non si può non visitare il Bastione dei Pescatori dal quale si gode un’incantevole vista della città. E’ un bastione in stile neogotico e neoromanico situato sulla riva di Buda del Danubio, vicino alla Chiesa di Mattia sul colle dove è situato il castello di Buda. Il Bastione dei Pescatori è stato costruito nei primi anni del Novecento e non ha mai avuto scopi di difesa.

Dalle torri e dalla terrazza con vista panoramica si può ammirare l’Isola Margherita, la zona di Pest e la collina Gellert. Consiste di un complesso di sette torri che rappresentano le sette tribù magiare che si insediarono nel bacino dei Carpazi e hanno dato origine al paese. Il Bastione prende il nome dalla corporazione dei pescatori che era stata incaricata di difendere questo tratto di mura della città durante il Medioevo o forse dal mercato della gilda dei pescatori che si trovava lì vicino durante il Medioevo.

Vai alla Pagina

13 - Chiesa di Mattia

È uno degli edifici più interessanti della città di Budapest e patrimonio artistico e turistico della città, quindi impossibile da non visitare una volta a Budapest, anche perché vicino si trova anche il Bastione dei Pescatori con la sua incredibile vista sulla città.

È dotata all’esterno di portali di grande pregio e due torri asimettriche: a sinistra quella mozza di Béla IV e a destra l’alta torre campanaria di Mattia a 3 piani e in stile gotico. L’interno invece è diviso in tre navate ricoperte da preziose vetrate e affreschi. Vi è inoltre la cappella funeraria reale dove si possono trovare i sarcofagi di Béla III d’Ungheria e di Anna di Chatillon. Nella cripta si può ammirare il tesoro composto da oreficerie sacre, paramenti antichi dei tempi delle incoronazioni e la copia della corono d’Ungheria.

 

Vai alla Pagina

14 - Galleria nazionale ungherese

Per chi ama l’arte è obbligatoria una visita alla Galleria Nazionale Ungherese dedicata all’arte ungherese dal medioevo ai giorni nostri e che conserva all’incirca centomila oggetti. La Galleria si trova all’interno del Palazzo Reale ed è sistemata su quattro piani.

Le sale del pianterreno sono spesso utilizzate per mostre temporanee. Al primo piano si inizia con la ex sala del trono, dove sono esposte Pale d’altare Tardo gotiche. In una parte dell’ Ala B troviamo opere del XIX secolo in stile manierismo e impressionismo. Al secondo piano troviamo opere che si possono far rientrare nel simbolismo e nell Art Nouveau come i ritratti di Jozsef Rippl-Ronai.

Vai alla Pagina

15 - Ponte delle catene

Il Ponte delle Catene è il ponte più vecchio e indubbiamente anche il più noto di Budapest. Quando venne inaugurato, unì Buda e Pest che fino al 1873 costituivano due città distinte sulle sponde opposte del Danubio. Prima della costruzione del ponte delle Catene le due città venivano collegate solo durante la bella stagione tramite un ponte su chiatte che veniva montato ogni anno.

La campata centrale del ponte, compresa tra due piloni, era all’epoca tra le maggiori al mondo (202 m di lunghezza). Durante la seconda guerra mondiale il ponte venne distrutto dai tedeschi per contrastare l’avanzata delle truppe sovietiche. Venne poi ricostruito nel dopoguerra e dal 1989 è diventato il simbolo della libertà dell’Ungheria dal regime sovietico. Il ponte è decorato all’entrata da imponenti statue di leoni.

Vai alla Pagina

16 - Isola Margherita

L’Isola Margherita è un’isola del Danubio, lunga 2500 metri, larga 500 metri, con un’estensione di circa 96 ettari, è un’isoletta verde nel cuore di Budapest. Sicuramente è una delle attrazioni di Budapest da vedere.

L’isola è per lo più occupata da un parco molto affollato nei mesi estivi, luogo preferito nei weekend per fare pic-nic. Vi si possono visitare inoltre le rovine del convento dei Domenicani e di una chiesa francescana. Da non perdere il piccolo zoo, il roseto e il giardino di roccia. Sull’isola si trovano anche diversi impianti sportivi, tra cui una pista da corsa e la piscina all’aperto Palatinus che la più grande di Budapest.

Due ponti la collegano alle rive della città, il Ponte Árpád a nord e il Ponte Margherita a sud. In origine, l’isola era 102,5 metri sopra il livello del mare, ma ora è stata “sollevata”, fino a raggiungere l’altezza di 104,85 metri sopra il livello del mare per prevenire le alluvioni.

Vai alla Pagina

17 - Piazza degli Eroi

Una bella passeggiata su Andrassy utca è una delle cose da fare a Budapest e, alla fine della via è possibile ammirare la Piazza degli Eroi dedicata alla memoria dei grandi eroi della storia ungherese. Molto bella sopratutto di notte, illuminata da mille luci, l’area centrale della Piazza degli Eroi ospita il Millennium Memorial con le statue dei capi delle sette tribù che hanno fondato l’Ungheria.

E’ situata vicino al Palazzo delle Belle Arti e al più noto parco di Budapest, il Varosliget che è uno dei parchi più grandi e visitati della città.  Di fronte al monumento vi è una larga pietra che porta inscritto un cenotafio con una catena ornamentale. Il cenotafio è dedicato agli eroi che morirono per la libertà del popolo ungherese e per l’indipendenza del paese. Subito vicino al cenotafio vi è una colonna con sulla cima la statua dell’arcangelo Gabriele.

Vai alla Pagina

18 - Mercato centrale

Da non perdere una visita al Mercato centrale di Budapest che è il più grande e il più antico mercato coperto della città. Con la crescita della città verso la fine dell’Ottocento, i mercati all’aperto non erano più sufficienti a soddisfare le esigenze dei cittadini e venne così deciso di costruire un mercato coperto come quelli delle altre città dell’Europea occidentale.

Il mercato offre una grande varietà di bancarelle su tre piani. L’esplorazione del mercato è un’esperienza visiva ed olfattiva ed è possibile portare via i prodotti tipici della regione, come ad esempio la paprika (ne troverete di tantissimi tipi), il salame ungherese, e i vini come il Tokaji.

La maggior parte delle bancarelle al pianterreno offrono prodotti alimentari come ad esempio carni, dolci, caramelle, caviale, spezie. Il secondo piano ospita soprattutto ristoranti, negozi di souvenir e uno stand che serve i lángos fritti. Al piano interrato invece vi è un supermercato e un mercato del pesce. Il mercato è chiuso la domenica.

Vai alla Pagina

19 - Váci utca

Vaci utca è una delle vie più turistiche di Budapest, che unisce Piazza Vorosmarty a Piazza della Dogana (Fdvam ter). Quindi è assolutamente da fare a Budapest una passeggiata per questa strada pedonale ricca di piccole boutique e piccoli negozi di prodotti tipici ungheresi.

È dotata di un gran numero di ristoranti e negozi rivolte soprattutto al mercato turistico. È inoltre una delle principali vie dello shopping di Budapest e forse la più famosa del centro della città. Vi si possono ammirare anche molti palazzi storici e collega le mete turistiche importanti come il mercato centrale e Cafe Gerbeaud, la più antica pasticceria di Budapest.

Vai alla Pagina

20 - Terme Széchenyi

Budapest è nota come la Città termale per eccellenza: le terme di Budapest hanno circa 2000 anni, anche se la presenza delle sorgenti sia molto più antica. La storia delle terme di Budapest ha origine dall’epoca della dominazione Romana e si è sviluppata poi nel corso della dominazione Ottomana.

Una fra le prime cose da fare a Budapest è un bel bagno rilassante nei Bagni Széchenyi che sono dei bagni termali che si trovano nel parco Városliget. Non importa la stagione, le terme sono sempre aperte ed è particolarmente suggestiva d’inverno in cui c’è gente immersa nella piscina esterna calda circondata dalla neve. L’edificio più antico del complesso risale al 1881 ma, a causa della popolarità, prima della Prima guerra mondiale vennero costruiti altri edifici che hanno reso i Bagni Széchenyi il più grande centro termale d’Europa.

Vai alla Pagina
Booking.com