Foto di firenze

Firenze è tra le città più visitate e note d’Italia con i suoi musei, palazzi e chiese ospita alcuni dei più importanti tesori artistici del mondo. E’ considerata come la culla del Rinascimento ed è riconosciuta come una delle più belle città del mondo, grazie ai suoi numerosi monumenti e musei – tra cui il Duomo, Santa Croce, gli Uffizi, Ponte Vecchio, Piazza della Signoria e Palazzo Pitti.

Da non perdere assolutamente ci sono la Cattedrale di Santa Maria del Fiore, il Battistero, la Galleria degli Uffizi, il Bargello e la Galleria dell’ Accademia. Tantissime anche le chiese sparse per la città, come ad esempio Santa Maria Novella e Santa Croce che sono delle vere e proprie gallerie d’arte.

1 - Galleria degli Uffizi

Una cosa da fare a Firenze è sicuramente una visita a uno dei più noti e importanti musei d’Italia: la Galleria degli Uffizi. L’edificio ospita una importantissima collezione di opere d’arte dei maggiori artisti di tutti i tempi: Cimabue, Giotto, Piero della Francesca, Sandro Botticelli, Leonardo da Vinci, Michelangelo Buonarroti, Tiziano e molti altri ancora.

La Galleria è andata a crescere nel tempo grazie ai Medici e ai Lorena successivamente. Si può ammirare l’evolversi della pittura fiorentina e toscana ma anche le influenze artistiche straniere. L’esposizione è divisa nelle diverse sale e mostra opere dal XII al XVIII secolo.

Vai alla Pagina

2 - Ponte Vecchio

Da visitare a Firenze il Ponte Vecchio che è uno dei simboli della città ed uno dei ponti più famosi al mondo. Sul ponte si trovano tantissime botteghine con tipiche mensole e serrature antiche. La maggior parte sono botteghe di oreficeria e gioielli.

Il ponte attraversa il fiume Arno nel suo punto più stretto, dove nell’antichità esisteva un guado. Al centro del ponte si apre uno spiazzo con due terrazze panoramiche: quella ad est è sormontata dal corridoio vasariano, mentre l’altra ospita il monumento con busto di Benvenuto Cellini, il più famoso orafo fiorentino.

La cancellata del monumento del Cellini è stata usata dagli innamorati per appendervi dei lucchetti la cui chiave viene gettata nel fiume a dimostrazione del loro amore eterno. Ma attenzione che l’amministrazione comunale, ha stabilito nel 2006 una multa di 50€ per chi venga sorpreso ad attaccare i lucchetti.

Vai alla Pagina

3 - Palazzo Pitti

Altra attrazione da visitare a Firenze è il Palazzo Pitti che è stata la reggia del Granducato di Toscana, e nel quale hanno abitato i Medici, Lorena e Savoia. La sua costruzione venne iniziata da Luca Fanicelli su disegno di Brunelleschi per soddisfare le ambizioni del banchiere Luca Pitti.

Nel 1540 andò ad abitarci Cosimo I che ordinò al Vasari di unire il Palazzo Vecchio a Palazzo Pitti tramite un passaggio (il Corridoio Vasariano) che passa sul Ponte Vecchio. Questo corridoio poteva servire come via di fuga per i Medici ma più semplicemente veniva utilizzata per raggiungere le due residenze senza mischiarsi con la gente.

All’interno del Palazzo sono ospitati diversi musei: la Galleria Palatina, gli appartamenti monumentali, la Galleria d’arte moderna, il Museo degli argenti, la Galleria del costume, il Museo delle porcellane e il Museo delle carrozze. Da fare una passeggiata per i giardini di Boboli che rappresentano un elegante esempio di giardino all’italiana.

Vai alla Pagina

4 - Palazzo Vecchio

Da vedere a Firenze anche il Palazzo Vecchio che ora è la sede del comune della città. Dal 1865 al 1871 fu sede del Parlamento italiano, mentre oggi ospita il Sindaco di Firenze e vari uffici comunali.

L’edificio è a forma cubica ed è arricchito, nel suo slancio, dalla torre di Arnolfo che, impreziosita dall’orologio del Lederle, si erge sempre più in alto fino a terminare con la torre campanaria. Questo palazzo fu la dimora di Cosimo I che si trasferì poi con la famiglia al Palazzo Pitti. Da qui la denominazione di vecchio rispetto al nuovo palazzo Pitti dove andò ad abitare.

All’interno è possibile visitare un museo dove sono esposte opere di Michelangelo Buonarroti, Donatello, Verrocchio. L’edificio si è gradualmente ingrandito verso est, fino a quadruplicarne le dimensioni originali.

Vai alla Pagina

5 - Piazza della Signoria

Una cosa da fare a Firenze è visitare piazza della Signoria che è la piazza centrale della città e sede del potere civile con il famoso Palazzo Vecchio. Oltre al palazzo Vecchio sulla piazza si affacciano il Palazzo degli Uffizi, la Loggia della Signoria, il Palazzo del Tribunale, il Palazzo Uguccioni.

La piazza è a forma di L e vi troviamo anche la statua equestre di bronzo di Cosimo I recante nei bassorilievi episodi del suo governo e la fontana del carro di Nettuno, trainata da cavalli marini. Vicino all’ingresso del Palazzo Vecchio è posta la copia del David che sostituisce l’originale di Michelangelo, conservato nella Galleria dell’Accademia delle Belle Arti.

Vai alla Pagina

6 - Basilica di Santa Croce

Assolutamente da vedere a Firenze è la Basilica di Santa Croce situata nella omonima piazza. E’ una delle più importanti chiese francescane e una spelndida realizzazione del filone gotico.

All’interno troviamo grandi opere di importanti artisti e anche numerose sepolture di letterari, scienziati e artisti. Entrando, sulla destra, vi è la tomba di Michelangelo, ma troviamo anche le sepolture di personaggi come Macchiavelli, il musicista Rossini, Foscolo, Alfeiri, Galilei.

Da vedere all’interno anche la cappella Pazzi, progettata da Brunelleschi che ha curato particolarmente la distribuzione della luce all’interno della cappella. Nel secondo chiostro ha sede il Museo dell’Opera di Santa Croce dove è esposto il Crocifisso di Cimabue.

Nella piazza, nel Cinquecento, si tenevano le partite del famoso “calcio storico”. Tutt’oggi le partite vengono giocate nella stessa piazza che viene attrezzata per l’occasione spargendo della sabbia sul campo. Il gioco è simile al foorball americano, è molto duro e non è raro vedere i giocatori con occhi neri e denti rotti.

Vai alla Pagina

7 - Giardino di Boboli

Una cosa da fare a Firenze è sicuramente una passeggiata per il giardino di Boboli, uno dei più importanti esempi di giardino all’italiana, nonchè anche un museo all’aperto dove si possono vedere numerose sculture.

Il giardino si sviluppa su un’area di circa 45.000 mq, con ha 4 accessi ufruibili dal pubblico ed è nato come giardino granducale di palazzo Pitti. All’interno tantissimi sono le statue e gli edifici che si possono ammirare, come ad esempio la Kaffeehaus in stile rococò. Ma c’è anche il museo delle Porcellane, una Limonaia, il giardino delle rose.

Tantissimi sono anche gli affacci e i punti panoramici dai quali si può ammirare la splendida Firenze.

Vai alla Pagina

8 - Duomo di Santa Maria del fiore

Visibile da diversi punti della città, il Duomo è la chiesa madre di Firenze. La sua caratteristica principale è sicuramente la sua immensa Cupola, ideata da Brunelleschi. La parte interna ha una superficie di 3600 mq, interamente affrescata da Giorgio Vasari e Federico Zuccari.

Il Duomo può ospitare fino a trentamila persone. Da visitare anche la cripta dove sono visibili i resti della precedente chiesa di Santa Reparata che risale al 1296, poi demolita per costruire l’attuale Duomo.

E’ possibile salire sulla cupola dalla quale si può godere di una bellissima vista sulla città fiorentina.

Vai alla Pagina

9 - Basilica di Santa Maria Novella

Da visitare a Firenze la basilica di Santa Maria Novella che è una delle più importanti chiese a Firenze e sorge sull’omonima piazza. La facciata è stata realizzata con marmi bianchi e verdi che ben armonizzano col complesso architettonico della basilica.

La parte inferiore della facciata è in stile gotico e gli archetti ciechi si ispirano al Battistero. La parte superiore invece è stata disegnata da Alberti in torno alla metà del 1400.

All’interno sono conservate importanti opere d’arte come ad esempio La Trinità di Masaccio e il Monumento alla Beata Villana di Bernardo Rossellino. Troviamo anche la Cappella Strozzi con gli affreschi di Filippino Lippi, e il Cappellone degli Spagnoli con il ciclo pittorico di Andrea Bonaiuti.

Vai alla Pagina

10 - Piazzale Michelangelo

Per godere Firenze nella sua interezza e bellezza, vi consigliamo di andare a piazzale Michelangelo per godere di uno dei più splendidi panorami d’Italia. Superba da qui è la veduta sulla città e le colline fiesolane di fronte.

E’ considerato il balcone di Firenze. La piazza è dedicata al grande artista Michelangelo e al centro del piazzale domina la copia in bronzo del David. Alla base della statua sono rappresentate le altre copie delle allegorie delle Cappelle Medicee di San Lorenzo. Le copie sono tutte in bronzo, mentre gli originali sono in marmo bianco.

Vai alla Pagina

11 - David di Michelangelo

Sicuramente una cosa da fare a Firenze è andare a vedere il David di Michelangelo esposto all’interno della Galleria dell’Accademia. La posizione originaria era davanti al Palazzo della Signoria, dove ora invece è esposta una sua copia.

Il David è una delle sculture più famose al mondo e uno degli emblemi del Rinascimento. La statua ha un’altezza di 4,10 metri mentre la base marmorea è alta 2 metri. E’ stato scolpito da Michelangelo dal 1501 al 1505 quando era poco più che venticinquenne.

La statua ritrae l’eroica figura del giovane David in atto di vigile attesa, nella vibrante tensione e deciso a vincere o morire nel duello contro Golia. Da sempre è considerato l’ideale perfetto di bellezza maschile nell’arte.

Vai alla Pagina

12 - Battistero di San Giovanni

Da vedere a Firenze il Battistero di San Giovanni, dedicato al patrono della città. Questo splendido edificio è in stile romanico e risale all’XI secolo, Dante lo chiamò il bel San Giovanni.

Si trova di fronte al Duomo e originariamente era circondato da altri edifici che vennero poi abbattuti per creare la piazza attuale. La pianta dell’edificio è ottagonale e l’esterno è rivestito da marmi bianchi e verdi. 

L’interno è armonico e solenne e la cupola è impreziosita da mosaici che vennero iniziati da Jacopo Francescano e continuati da artisti veneziani e fiorentini. Particolarmente interessante è il famoso affresco del Giudizio Universale da cui sembra che abbia preso spunto Michelangelo per decorare la Cappella Sistina in Vaticano.

Vai alla Pagina