Foto di venezia

Venezia è una città unica al mondo, elegante, divertente, romantica, vivace. La città si sviluppa su oltre cento isole, collegate tra loro da numerosi ponti e separate da rii e canali, e nel 1979 è stata dichiarata Patrimonio dell’Umanità dall’Unesco. Fu uno dei principali porti di scambio tra Europa e Oriente e divenne una grande potenza marittima.

Cuore pulsante di Venezia è la splendida Piazza San Marco, circondata da opere di indiscutibile valore e bellezza, come ad esempio il Campanile, la Basilica, il Palazzo Ducale e la Torre dei Mori. Numerosi caffè storici si affacciano sulla piazza, il più importante è il Caffè Florian, aperto nel 1720, ed è il più antico caffè d’Italia. Tra gli illustri clienti che si sono seduti ai suoi tavolini, ci sono anche Giacomo Casanova, Lord Byron, Ugo Foscolo, Gabriele d’Annunzio.

Venezia siede su ben 118 isolette collegate da 354 ponti e divise da 177 tra rii e canali. Le isole più famose sono Burano, per la produzione dei merletti; Murano, per la lavorazione del vetro; Pellestrina, caratterizzata da dune sabbiose ed alti canneti; Torcello, uno degli insediamenti umani più antichi della zona.

1 - Ponte di Rialto

Il ponte di Rialto è uno dei simboli di Venezia. E’ uno dei quattro ponti, oltre al Ponte dell’Accademia, al Ponte degli Scalzi e al Ponte della Costituzione, che attraversano il Canal Grande. 

Il ponte è stato costruito in pietra ad arcata unica nel 1591 ed è il più antico e sicuramente il più famoso di Venezia. Il ponte è coperto da un porticato con negozi su entrambi i lati. Il ponte è costituito da due rampe inclinate che portano a una sezione centrale.
Vai alla Pagina

2 - Canal Grande

Tra i tanti canali di Venezia, il principale fra tutti, quindi il più importante canale della città è il Canal Grande. 

E’ lungo circa 3800 metri e divide in due parti il centro storico: va dall’innesto del Ponte della Libertà al Bacino di San Marco. Lungo il suo corso, si affacciano sul Canal Grande magnifici edifici, in gran parte dei secoli tra il XII e il XVIII, che simboleggiano il benessere e l’arte della Repubblica di Venezia. Il Canal Grande è tuttora l’asse principale dei trasporti nel centro storico.
Ogni anno, la prima domenica di settembre, i veneziani rivivono la Regata Storica, una vecchia tradizione che consiste in una serie di gare tra imbarcazioni veneziane e che attira sempre molti spettatori.
Vai alla Pagina

3 - Piazza San Marco

Una delle piazze più belle e importanti di tutta Italia è Piazza San Marco, rinomata in tutto il mondo per la sua bellezza e integrità architettonica. 

La piazza ha forma trapezoidale ed è lunga 170 metri. Si divide in tre settori principali: la piazza vera e propria che è racchiusa tra le Procuratie vecchie e nuove; piazzetta San Marco che si trova antistante il Palazzo Ducale e la Libreria; e infine la piazzetta dei Leoncini che si trova a lato della Basilica. 
Sulla Piazza San Marco si affaccia la bellissima Basilica di San Marco.
Vai alla Pagina

4 - Basilica di San Marco

Una delle attrazioni da vedere a Venezia è la basilica di San Marco, la chiesa principale della città

È la cattedrale di Venezia e anche la sede del Patriarca e uno dei principali monumenti di piazza San Marco, dalla quale prende il nome. All’interno della basilica si possono ammirare degli splendidi mosaici dorati. Nel corso dei secoli l’interno si è andato arricchendosi sempre di più di marmi, fregi, sculture e il famoso bottino di Costantinopoli.
La Basilica si sviluppa molto in larghezza, è lunga 76,5 metri e larga 62,6 metri, mentre la cupola centrale è alta 43 metri.
Vai alla Pagina

5 - Collezione Peggy Guggenheim

La Peggy Guggenheim è un museo d’arte che si trova sul Canal Grande. 

Fa parte della Solomon R. Guggenheim Foundation e raccoglie una collezione d’arte un po’ più piccola rispetto agli altri musei Guggenheim. La collezione è costituita principalmente dalla collezione privata di Peggy Guggenheim, e il museo che la ospita era anche la sua abitazione privata. 
Nel museo troviamo i lavori del Modernismo statunitense e del Futurismo italiano, ma anche opere cubiste, surrealiste e di Espressionismo astratto. Le opere all’interno del museo portano la firma di Picasso, Dalì, Magritte, Pollock e molti altri.
Vai alla Pagina

6 - Palazzo Ducale

Altro palazzo da visitare a Venezia è il Palazzo Ducale, uno dei simboli della città.

Il Palazzo Ducale si trova nell’area di Piazza San Marco, tra la Piazzetta e il Molo. Era l’antica sede del Doge e delle magistrature veneziane mentre oggi è la sede del Museo Civico di Palazzo Ducale. Le due facciate principali del palazzo sono in stile gotico-veneziano, sulle quali risaltano i due livelli di colonnati. L’ingresso del palazzo si chiama Porta di Carta, che deve il suo nome al fatto che sulla porta venivano affisse le nuove leggi. 
L’ingresso ai visitatori è invece presso la Porta del Frumento.
Vai alla Pagina

7 - Campo Santa Margherita

Campo Santa Margherita è una piazza che si trova nel sestiere di Dorsoduro.

Il campo prende il nome dalla chiesa sconsacrata che si trova nella parte nord-est della piazza. Il campo è il luogo di ritrovo per i giovani, per via della vicinanza allo IUAV, a Ca’ Foscari e a numerosi istituti superiori. 
Vai alla Pagina

8 - Campanile Di San Marco

Uno dei simboli di Venezia è il campanile di San Marco, chiamato dai veneziani El parón de casa.

E’ uno dei campanili più alti d’Italia con i suoi 98,6 metri. Si trova in un angolo di piazza San Marco di fronte alla basilica. 
La forma è molto semplice, è costituito da una colonna quadrata di mattoni, scanalata, larga 12 metri e alta circa 50 metri. Al di sopra della quale si trova la cella campanaria con un livello di archi. Sopra la cella campanaria vi è un cubo, sulle cui facce sono raffigurati alternativamente due leoni e le figure femminili di Venezia. Il tutto è sormontato dalla cuspide, con forma di piramide. In cima è posta la statua dorata dell’arcangelo Gabriele.
Vai alla Pagina

9 - Isola di Burano

Uno dei posti da visitare vicino Venezia è Burano, una piccola isola della laguna veneziana, a nord della città. 

L’isola è famosa per le sue tipiche abitazioni vivacemente colorate, ma anche per la lavorazione artigianale dei merletti e per i dolci tipici, i più famosi sono i bussolai

E’ collegata tramite un ponte all’isola di Mazzorbo. 
Vai alla Pagina

10 - Basilica di Santa Maria della Salute

Una delle basiliche da visitare a Venezia è la basilica di Santa Maria della Salute che si trova sulla Punta della Dogana. 

E’ una delle migliori espressioni dell’architettura barocca veneziana. La sua costruzione rappresenta un ex voto alla Madonna da parte dei veneziani per la liberazione dalla peste che tra il 1630 e il 1631 che causò la morte di 80.000 veneziani e altri 600.000 nelle zone limitrofe.
Per la costruzione della Basilica in quel punto vennero costruiti ben 1.156.650 pali conficcati nel terreno e un’opera di bonifica del suolo.
Ogni 21 novembre viene festeggiata la festa della Madonna della Salute in cui viene si attraversa un ponte galleggiante (prima costituito da barche) che va da San Marco alla Basilica.
Vai alla Pagina

11 - Giardini della Biennale

I Giardini della Biennale sono dei giardini pubblici di Venezia.

Sono frutto di una bonifica eseguita nell’età napoleonica su un’area non urbanizzata. Dal 1895 sono la sede della Biennale di Venezia che attira sempre un numero crescente di spettatori e nel corso degli anni sono stati aggiunti nuovi padiglioni.
Il numero di padiglioni adesso è di 30: 29 per le partecipazioni nazionali più il Padiglione Centrale che ospita la mostra principale dell’evento.
Vai alla Pagina

12 - Punta Della Dogana

La Punta della Dogana è una sottile punta a forma triangolare che divide il Canal Grande dal Canale della Giudecca.
Sulla Punta della Dogana troviamo tre importanti complessi architettonici: la Basilica di Santa Maria della Salute, il seminario patriarcale e il complesso della Dogana da Mar.
Proprio per la presenza di queste importanti costruzioni, la Punta della Dogana è anche nota con i nomi di Punta della Salute o Punta da Màr.
Vai alla Pagina

13 - Teatro La Fenice

Il Teatro La Fenice è uno dei teatri più noti di Venezia, si trova in campo San Fantin, nel sestiere di San Marco.

Ad oggi è il principale teatro lirico di Venezia e ospita importanti stagioni operistiche, sinfoniche e il Festival Internazionale di Musica Contemporanea. Più volte è stato distrutto e riedificato.
Vai alla Pagina

14 - Palazzo Grassi

Un altro palazzo da vedere a Venezia è il Palazzo Grassi, uno fra i palazzi più conosciuti della città.

E’ stato costruito su un’area a trapezoidale e si affaccia sul Canal Grande. Oggi è la sede di mostre d’arte di particolare interesse. Il palazzo dà un senso di potenza e magnificenza per sottolineare la ricchezza della famiglia Grassi che ne richiese la costruzione. 
La facciata principale è in stile neoclassico. È l’ultimo palazzo costruito prima del crollo della Repubblica di Venezia.
Vai alla Pagina

15 - Parco San Giuliano

Il Parco San Giuliano si trova a Sud del centro di Mestre, ed è un grande parco del comune di Venezia che si affaccia sulla laguna.

E’ uno dei luoghi più importanti per lo studio dell’ambiente lagunare, oltre ad essere anche un’area di recupero ambientale e paesaggistico.
Il parco è stato realizzato grazie a un contributo europeo che aveva come scopo quello di conservare e salvaguardare l’habitat lagunare. 
Il parco è sempre molto frequentato da sportivi e per chi ama spendere il tempo libero immerso nella natura.
Vai alla Pagina

16 - Museo Correr

Il Museo Correr è situato presso Piazza San Marco e fa parte della Fondazione Musei Civici di Venezia. 

Il museo nasce grazie alle donazioni del nobile veneziano Teodoro Correr, dal quale prende appunto il nome. La raccolta ha sede nell’Ala Napoleonica, costruita nel XIX secolo abbattendo una chiesa e parte del prolungamento delle Procuratie. All’interno vi sono opere di Bellini, Carpaccio e Canova.
Vai alla Pagina

17 - Campo San Stefano

Campo Santo Stefano è uno dei campi più vasti di Venezia, si trova nel sestiere di San Marco non lontano dal ponte dell’Accademia.

Sul campo si affacciano numerosi edifici importanti, come ad esempio la chiesa di Santo Stefano, la chiesa di San Vidal, Palazzo Morosini, Palazzo Loredan e Palazzo Pisani.
Al centro della piazza vi è la statua dedicata al letterato Niccolò Tommaseo.
Vai alla Pagina

18 - Zattere

La Fondamenta delle Zattere è una delle zone più antiche di Venezia e si trova nel sestiere di Dorsoduro.
Si affaccia sul Canale della Giudecca e lo costeggia per circa un chilometro, a partire dalla Stazione Marittima a San Basilio fino alla Punta della Dogana, dove il canale sfocia nel Bacino di San Marco.
Lungo il corso si affacciano numerosi bar, ristoranti e gelaterie, che la rendono una meta di numerosi turisti e non, soprattutto nella stagione primaverile e estiva.
Nell’ultimo tratto delle Zattere sono presenti le fabbriche dei Magazzini del Sale, noti anche come Saloni, che venivano usati come stoccaggio del sale durante la Repubblica di Venezia.
Vai alla Pagina

19 - Arsenale di Venezia

A partire dal XII secolo l’Arsenale di Venezia era il centro dell’industria navale veneziana. 
Imponenti navi vennero costruite nel periodo della Serenissima, grazie alle quali Venezia riuscì a contrastare i Turchi nel Mar Egeo e a conquistare le rotte del nord Europa. 
L’Arsenale di Venezia rappresentava l’esempio di una grande fabbrica in cui persone specializzate eseguivano in successione singole operazioni di assemblaggio, lungo una catena di montaggio e utilizzando componenti standard. 
Era un grande complesso industriale che si estendeva su un’area di 46 ettari, e, nei periodi di piena attività produttiva, lavoravano al giorno in media circa 1500-2000 persone, cioè tra il 2%  eil 5% dell’intera popolazione cittadina dell’epoca. 
Gli ampi locali delle Corderie dell’Arsenale sono attualmente utilizzati per le espositive della Biennale di Venezia, oltre che per alcune attività di piccola cantieristica.
Vai alla Pagina

20 - Gallerie dell'Accademia

Uno dei musei più importanti da vedere a Venezia sono le Gallerie dell’Accademia, che si trovano nel sestiere di Dorsoduro, ai piedi del Ponte dell’Accademia.
Il museo raccoglie le opere più importanti dell’arte veneziana e veneta, soprattutto del periodo tra il XIV e il XVIII secolo. All’interno sono esposte le opere di Giorgione, Giovanni Bellini, Vittore Carpaccio, Tintoretto e Tiziano, ma anche sculture e disegni, tra i quali il celeberrimo Uomo vitruviano di Leonardo da Vinci.
Il nome del museo deriva dall’Accademia di Belle Arti, che le ha aperte nel 1817 e ne ha condiviso la sede fino al 2004.
Vai alla Pagina

21 - Ponte della Libertà

Il Ponte della Libertà è un ponte stradale e ferroviario lungo circa quattro chilometri che collega il centro storico di Venezia con la terraferma.
Il ponte venne inaugurato nel 1846 ed era il ponte più lungo del mondo. Nel 1931 venne riprogettato per affiancare al tratto ferroviario quello stradale. Venne inaugurato da Mussolini il 25 aprile 1933 con il nome di ponte Littorio, ma alla fine della seconda guerra mondiale fu ribattezzato con il nome di Ponte della Libertà in ricordo della liberazione dal nazi-fascismo.
Il ponte ferroviario venne ampliato da 2 a 4 binari negli anni settanta. È costituito da due corsie per senso di marcia affiancate da due larghi marciapiedi con funzione anche di pista ciclabile.
Vai alla Pagina

22 - Campo San Polo

Altra piazza da visitare a Venezia è Campo San Polo il più grande campo della città dopo piazza San Marco. 
Il nome deriva dalla chiesa di San Polo che si affaccia sul campo. All’inizio il campo veniva utilizzato per le coltivazioni e i pascoli, ma successivamente venne interamente pavimentata. Venne quindi utilizzato come luogo di mercati, fiere e grandi riunioni. Molti mercatini dei poveri si spostarono da Piazza San Marco proprio in questa zona. 
Nel corso degli anni divenne poi teatro di feste pubbliche, giochi, come ad esempio il gioco della palla e della caccia al toro, fino al 1611 quando vennero vietati nel campo tutti i tipi di giochi e i mercati. 
Vai alla Pagina

23 - Campo San Giacomo da l'Orio

Una delle tante chiese di Venezia da vedere è la chiesa di San Giacomo dall’Orio, situata nel sestiere di Santa Croce.
E’ una delle chiese più antiche di Venezia, fondata nel IX secolo. L’interno è caratterizzato dalla presenza di vari stili architettonici.
All’interno si possono ammirare numerosi e importanti dipinti. Le opere più importanti sono conservate nelle sacrestie, in particolare nella Sacrestia Nuova vi sono opere di Paolo Veronese.
Vai alla Pagina

24 - Ponte Dei Sospiri

Il ponte dei Sospiri è uno dei ponti più famosi di Venezia ed è situato a poca distanza da piazza San Marco.
E’ stato costruito per ordine del doge Marino Grimani agli inizi del XVII secolo, il cui stemma è stato inciso sul ponte. Il ponte è costruito in pietra d’Istria e presenta uno stile prettamente barocco. Passando sopra il rio di Palazzo collega il Palazzo Ducale alle Prigioni Nuove. Il ponte serviva infatti per portare i reclusi dalle prigioni agli uffici degli Inquisitori di Stato per essere giudicati. Secondo una leggenda il nome deriva dal fatto che i prigionieri, attraversando il ponte, sospirassero davanti alla prospettiva di vedere per l’ultima volta il mondo esterno. Tuttavia dal ponte la vista verso il mondo esterno è pressoché nulla quindi in realtà il termine sta ad indicare solamente l’ultimo respiro che i condannati emettevano nel mondo libero in quanto non sarebbero più usciti dalle prigioni.
E’ possibile fotografarlo dal ponte della Canonica e dal ponte della Paglia. 
Vai alla Pagina

25 - Basilica di Santa Maria Gloriosa dei Frari

La basilica di Santa Maria Gloriosa dei Frari, più semplicemente nota come basilica dei Frari, è situata nell’omonimo Campo dei Frari, nel sestiere di San Polo.
La chiesa è dedicata all’Assunzione di Maria e al suo interno sono custodite le tombe di numerose personalità legate a Venezia, tra cui Claudio Monteverdi e lo stesso Tiziano. La pianta è a croce latina, presenta uno stile gotico veneziano ed è stata costruita in cotto e pietra d’Istria. 
Al suo interno vi sono molti altari monumentali e anche molte opere d’arte, tra cui due dipinti del Tiziano
Vai alla Pagina

26 - Ponte de Canaregio o de le Guglie

Il ponte di Cannaregio ma più noto con il nome di ponte delle Guglie, è un ponte di Venezia, situato nel sestiere di Cannaregio.
È l’unico ponte di Venezia adornato da pinnacoli, le famose guglie da cui prende il nome. Il ponte di Cannaregio fu costruito per la prima volta in legno nel 1285. Fu sostituito dall’attuale ponte in pietra nel 1580 ma venne ricostruito nel 1823 con l’aggiunta delle guglie, dalle quali prende appunto il nome. 
Il ponte è posto poco prima del punto in cui il canale di Cannaregio confluisce nel Canal Grande.
Vai alla Pagina

27 - Ponte della Costituzione

Il ponte della Costituzione è un ponte moderno che attraversa il Canal Grande di Venezia e collega piazzale Roma alla stazione ferroviaria Venezia Santa Lucia. 
Il ponte ha una forma arcuata con una campata di 81 metri e ha una altezza massima di 10 metri. 
La struttura è moderna, in acciaio ed è costruito con i materiali che caratterizzano le costruzioni venete, quindi in vetro della Saint Gobain, in pietra d’Istria e Trachite Grigia Classica di Montemerlo.
Anche i parapetti sono in vetro, con corrimano in ottone al cui interno sono installate lampadine a led che illuminano i parapetti in vetro.
Vai alla Pagina

28 - Ponte dell'Accademia

Il ponte dell’Accademia è il ponte che si trova più a sud dei quattro ponti di Venezia che attraversano il Canal Grande. Collega San Vidal all’ex Chiesa di Santa Maria della Carità.
Precedentemente chiamato il Ponte della Carità perché era vicino al complesso della Carità che comprende Convento, Chiesa di Santa Maria della Carità e Scuola Grande della Carità. Questi edifici, sconsacrati e in disuso, sono diventati poi sede dell’Accademia di belle arti di Venezia e attualmente ospitano le Gallerie dell’Accademia.
Vai alla Pagina

29 - Basilica dei Santi Giovanni e Paolo

La Basilica dei Santi Giovanni e Paolo è uno degli edifici medievali religiosi più imponenti di Venezia, assieme alla Basilica di Santa Maria Gloriosa dei Frari. 

All’interno sono stati seppelliti un gran numero di dogi veneziani e altri importanti personaggi e per questo viene definita come il pantheon di Venezia
Sorge nell’omonimo campo, nel sestiere di Castello.
Vai alla Pagina